Atto di consacrazione al cuore Immacolato di Maria

Di seguito riportiamo gli atti di consacrazione al Cuore Immacolato di Maria dei grandi della Chiesa e una spiegazione di questo piccolo-grande gesto di amore che dovremmo fare tutti noi.

Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria di San Luigi Montfort

Io, (dire il proprio nome), peccatore infedele, rinnovo oggi e ratifico nelle tue mani, O Maria Immacolata, i voti del mio Battesimo.

Rinunzio per sempre a Satana, alle sue seduzioni e alle sue opere e mi dò interamente a Gesù Cristo, la Sapienza incarnata, per portare la mia croce dietro a Lui tutti i giorni della mia vita. E affinchè io gli sia più fedele che nel passato, ti scelgo oggi, o Maria, alla presenza di tutta la Corte celeste, per mia Madre e Padrona.

A Te, come uno schiavo, io abbandono e consacro il mio corpo e l’anima mia, i miei beni interni ed esterni e il valore stesso delle mie buone opere passate, presenti e future, lasciandoti un intero e pieno diritto di disporre di me e di tutto ciò che mi appartiene, senza eccezione, a tuo piacimento, alla maggior gloria di Dio nel tempo e nell’eternità.
Amen.

Consacrazione della famiglia al Cuore Immacolato di Maria

Venite, o Maria e degnatevi di abitare in questa casa.
Come già al vostro cuore immacolato fu consacrata la Chiesa e tutto il genere umano, così noi, in perpetuo, affidiamo e consacriamo al vostro Cuore immacolato la nostra famiglia; che il vostro amore e patrocinio ci ottenga grazia che tutti i familiari vivano sempre in pace con Dio e tra di loro.

Rimanete con noi, vi accogliamo con cuore di figli, indegni, ma desiderosi di essere sempre vostri, in vita, in morte e nell’eternità. Restate con noi come abitaste nella casa di Zaccaria e di Elisabetta; come foste gioia nella casa degli sposi di Cana; come foste madre per l’apostolo Giovanni. Portateci Gesù Cristo, Via, Verità e Vita.

Allontanate da noi il peccato ed ogni male. In questa casa siete Madre, Maestra e Regina. Dispensate a ciascuno di noi le grazie spirituali e materiali che ci occorrono; specialmente accresceteci la fede, la speranza, la carità verso Dio e verso il prossimo. Suscitate fra i nostri cari sante vocazioni.

Siate sempre con noi, nelle gioie e nelle pene, e soprattutto fate che un giorno tutti i membri di questa famiglia si ritrovino con Voi riuniti in Paradiso.

Preghiera di consacrazione al Cuore Immacolato della Madonna di Fatima

O Vergine Santa, Madre di Gesù e Madre nostra, che sei apparsa a Fatima ai tre pastorelli per recare al mondo un messaggio di pace e di salvezza, io voglio  accogliere e vivere questo tuo messaggio.

Mi consacro al tuo Cuore Immacolato, per appartenere così più perfettamente a Gesù. Aiutami, Madre cara, a vivere fedelmente questa mia consacrazione attraverso una devozione più  fedele e sincera verso di te e una vita spesa nell’amore di Dio e dei fratelli.

In particolare, ti offro le preghiere, le azioni, i sacrifici di ogni giorno, in riparazione dei peccati miei e dei fratelli, con l’impegno di compiere il mio dovere quotidiano secondo la volontà del Signore.

Consacro al tuo Cuore Immacolato anche i miei familiari e tutte le persone che hai messo sul mio cammino, specialmente quelle che si sono raccomandate alle mie preghiere. Che possano sentire la tua vicinanza materna e con il tuo aiuto aprano il cuore alla Pace di Gesù!

Ti prometto di impegnarmi a recitare ogni giorno il Santo Rosario, o almeno una sua parte, contemplando i misteri della vita di Gesù e della tua vita.

Voglio vivere sempre da vero figlio tuo e cooperare perchè tutti ti conoscano e amino come Madre di Gesù, vero Dio e unico nostro Salvatore.
Amen.

Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria di San Giovanni Paolo II

O Madre degli uomini e dei popoli, tu che “conosci tutte le loro sofferenze e le loro speranze”, tu che senti maternamente tutte le lotte tra il bene e il male, tra la luce e le tenebre, che scuotono il mondo contemporaneo, accogli il nostro grido che, come mossi dallo Spirito Santo, rivolgiamo direttamente al tuo Cuore e abbraccia, con l’amore della Madre e della Serva, questo nostro mondo umano, che ti affidiamo e consacriamo, pieni di inquietudine per la sorte terrena ed eterna degli uomini e dei popoli.

In modo speciale ti affidiamo e consacriamo quegli uomini e quelle nazioni, che di questo affidamento e di questa consacrazione hanno particolarmente bisogno.

Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, santa Madre di Dio!
Non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova!
Non disprezzare!
Accogli la nostra umile fiducia – e il nostro affidamento!

Perché consacrarsi al Cuore Immacolato di Maria

1) Donarsi totalmente a Gesù per mezzo di Maria, è imitare il Padre che ci ha dato il Figlio suo per mezzo di Maria. È imitare Dio Figlio, il quale si è incarnato per mezzo di Maria e ci ha dato l’esempio perché facessimo come egli ha fatto, ci ha sollecitati ad andare a lui per lo stesso mezzo con cui egli è venuto a noi per Maria. È imitare lo Spirito Santo che ci comunica le sue grazie e i suoi doni per mezzo di Maria. Non è forse giusto, dice san Bernardo, che la grazia ritorni al suo autore per lo stesso canale attraverso cui è venuta a noi?

2) Andare a Gesù per mezzo di Maria è onorare Gesù Cristo, perché è riconoscere che non siamo degni di accostarci direttamente a Lui, a causa dei nostri peccati. Abbiamo bisogno di Maria, sua Santissima Madre, perché sia nostra avvocata e nostra mediatrice presso di Lui.

3) Consacrarsi così a Gesù per mezzo di Maria è mettere nelle mani della Madonna le nostre opere buone, spesso macchiate e indegne degli sguardi di Dio dinanzi a cui nemmeno le stelle sono limpide. La nostra buona Madre e Signora accetta il nostro dono, lo purifica, lo santifica, in modo da renderlo degno di Dio. «Se vuoi presentare a Dio un dono, dice san Bernardo, mettilo nelle mani di Maria».

4) Consacrarsi così alla Santissima Vergine è praticare nel suo più alto grado la carità verso il prossimo. Farsi suo figlio-schiavo è darle tutto ciò che si ha di più caro, perché ne disponga a suo piacimento a vantaggio dei vivi e dei defunti.

5) Con questa devozione si mettono al sicuro le proprie grazie, i propri meriti e le proprie virtù, facendone tesoriera Maria, dicendole: «Eccoti, mia cara Mamma, ciò che, per grazia del Figlio tuo, ho potuto fare di bene; io non mi sento capace di conservarlo. Si vedono tutti i giorni crollare cedri del Libano, e diventare uccelli notturni aquile che si libravano altissime. Ma tu, o mia potentissima, Mamma, sorreggimi perché non mi perda».

6) Questa devozione rende l’anima libera, della libertà dei figli di Dio. Dal momento che per amore di Maria ci riduciamo volontariamente in schiavitù, la nostra Mamma per riconoscenza, allarga e dilata il nostro cuore, ci fa camminare a passi da gigante nella via dei comandamenti del Signore. Scaccia la noia, la tristezza e lo scrupolo.

(Citazione di Don Carlo De Ambrogio, dal libretto “La mia gioia”)

Un commento

Lascia un tuo pensiero

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Prosegui, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte Privacy.