Preghiere a San Carlo Borromeo

San Carlo Borromeo, noto universalmente come San Carlo, è il patrono della Lombardia, dei catechisti, dei vescovi e dei fabbricanti di amido.
Nato il 2 ottobre 1538 e passato alla Casa del Padre il 3 novembre del 1584, è stato canonicalizzato il 1 novembre del 1610 da papa Paolo V. Il santo viene festeggiato dalla Chiesa il 4 novembre.
Di seguito una bellissima raccolta di preghiere da recitare al santo, guidate passo per passo.

Un bellissimo dipinto di Orazio Borgianni in cui è ritratto San Carlo Borromeo

Si inizia col segno della croce, invocando la S.S. Trinità:

Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo,
Amen.

Invochiamo lo Spirito Santo, fonte di santità:

Vieni, Santo Spirito,
manda a noi dal cielo
un raggio della tua luce.
Vieni, padre dei poveri,
vieni, datore dei doni,
vieni, luce dei cuori.

Consolatore perfetto,
ospite dolce dell’anima,
dolcissimo sollievo.
Nella fatica, riposo,
nella calura, riparo,
nel pianto, conforto.

O luce beatissima,
invadi nell’intimo
il cuore dei tuoi fedeli.
Senza la tua forza,
nulla è nell’uomo,
nulla senza colpa.

Lava ciò che è sordido,
bagna ciò che è arido,
sana ciò che sanguina.

Piega ciò che è rigido,
scalda ciò che è gelido,
drizza ciò ch’è sviato.

Dona ai tuoi fedeli
che solo in te confidano
i tuoi santi doni.

Dona virtù e premio,
dona morte santa,
dona gioia eterna.
Amen.

Si recitano di seguito le preghiere dedicate a San Carlo:

Gloriosissimo San Carlo, modello di virtù e costanza nella prova. Tu che hai impiegato i doni ricevuti per la Gloria di Dio e la salvezza delle anime, sino a restare vittima del Tuo stesso zelo. Impetraci dal Signore la grazia di essere Tuo imitatore, come Tu lo fosti di Gesù Cristo.

Ottienici lo spirito di sacrificio, lo zelo per i nostri fratelli, la fedeltà a Dio, l’amore alla Chiesa, la rassegnazione nelle avversità e la perseveranza nel bene. Affinché anche noi, sperimentando di essere amati da Dio, possiamo godere della presenza divina.
Amen.

Vi saluto e umilmente vi venero, o zelante San Carlo, che con paterna pietà, vigilanza e fortezza avete governato e ammaestrato il gregge di Gesù Cristo in Milano.

Vi ringrazio di tutti i benefici che avete fatto al genere umano, vi prego ad impetrarmi dall’Eterno Divino Pastore la grazia di zelare la mia salute e quella del prossimo con fortezza e perseveranza. Amen. 

O glorioso San Carlo, che tanto operaste pel bene della gioventù studiosa, ottenete a me vostro figlio e devoto, di approfittare dei santi ammaestramenti che ci avete lasciati, e di crescere nello spirito della pietà e della sapienza cristiana; affinché, corrispondendo con fedeltà ai doni del Signore, possa meritarmi e in vita e in morte le divine benedizioni.
Amen.

O Gloriosissimo San Carlo, modello per tutti di fede, di umiltà, di purità, di costanza nel patire, di ogni più eletta virtù, Voi che arricchito dall’Altissimo dei doni più eccelsi, tutti li impiegaste nel promuovere la gloria di Dio e la salvezza delle anime fino a restar vittima del vostro zelo, impetrateci dal Signore, vi supplichiamo, la grazia di essere vostri imitatori, come voi lo foste di Gesù Cristo.

Otteneteci ancora, vi preghiamo, lo spirito di sacrificio, lo zelo indefesso per il bene dei nostri fratelli, la fedeltà a Dio, l’amore alla Chiesa, la rassegnazione nelle avversità e la perseveranza nel bene.

E voi, Dio delle misericordie, e Padre di ogni consolazione, che vedete i mali onde è afflitta la cristiana famiglia, deh! Muovetevi a pietà di noi, soccorreteci e salvateci.

Non guardate, no, ai nostri meriti, ma a quelli del vostro servo e nostro protettore San Carlo. Esaudite le sue preghiere a favore nostro, ora che trionfa nei Cieli, come esaudite quelle che vi innalzava pel suo popolo quaggiù sulla terra. 
Amen.

Glorioso San Carlo, che con impareggiabile ardore
avete consacrato tutte le cose vostre, tutto voi stesso alla gloria di Dio, al bene del vostro gregge ed alla santa educazione della gioventù; che nell’amore ferventissimo alla SS. Eucaristia, a Gesù Crocifisso, alla Vergine benedetta, avete trovato il segreto per alimentare il vostro zelo, la vostra carità generosa, e raggiungere un grado tanto eminente di santità: guardate pietoso a noi, ed otteneteci dal buon Dio lo spirito
di orazione, il gusto della pietà, perché nell’esercizio assiduo
di pietà soda ed illuminata possiamo trovare ancor noi
la difesa da tanti pericoli, l’amore alla virtù,
la via della nostra santificazione.
Amen.

2 commenti

Lascia un tuo pensiero

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Prosegui, autorizzi l'uso di tutti i cookies.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte Privacy.