Pregare a distanza durante il periodo della pandemia

Pregare a distanza durante il periodo di pandemia che stiamo vivendo. Come conciliare i bisogni dell’anima e le necessità fisiche in questo momento storico? È quel che si stanno chiedendo molti fedeli in un momento critico da un punto di vista sanitario, dove siam costretti a mettere da parte le nostre abitudini, anche quelle più salutari legati alla nostra anima.


L’appuntamento a messa, il catechismo, i gruppi di preghiera, le missioni evangeliche, i pellegrinaggi, sono alcuni esempi di attività che hanno subito una drastica deprioritizzazione causa Covid-19.
Badiamo bene: deprioritizzazione non per importanza, ma per le restrizioni che di settimana in settimana da Marzo 2020 ci sono state imposte per tutelare la nostra salute e quella degli altri.

Come approcciarci a questo drastico cambiamento?
Siamo chiamati a dei drastici cambiamenti che, con la volontà di perseguire il nostro cammino verso il regno di Dio, saranno possibili con tenacia e forza di volontà e fede.
La solita fede fermissima che ci ha accompagnato fino ai giorni nostri.

Le messe e i riti in chiesa: la casa di Dio è ancora un luogo sicuro

La domanda che ci siamo sempre posti nelle scorse settimane è stata: oggi possiamo andare in Chiesa?
Dopo il primo periodo di lockdown dove siamo stati costretti nelle nostre case, pian piano siamo tornati nella casa del Signore per eccellenza, la Chiesa.

Difatti da Maggio 2020 noi fedeli abbiam ripreso a popolare i tempi del Signore con misure ragionevolmente rigide: mascherina obbligatoria, misurazione della febbre a ogni accesso, niente segno di pace e, ovviamente, il distanziamento sociale.

Abbiamo rinunciato a gesti per noi comuni, l’interazione fraterna col prossimo o semplicemente all’utilizzo dell’acqua santa, ma questo per tutelare la possibilità di poter ancora vivere la casa di Dio.


Sono obbligato dal diritto canonico ad andare alla messa festiva in questo periodo?
La risposta è no. La Chiesa ci tiene a tutelare spirito e corpo dei propri fedeli e non obbliga l’esposizione delle persone in un periodo di pandemia, tanto più i soggetti più a rischio.

La risposta la citiamo da una fonte autorevole, Don Gianni Cioli (docente di Teologia morale e Iconologia presso la Facoltà Teologica dell’Italia centrale) che risponde a un fedele in tal senso.

(Domanda)
Nel Codice di diritto canonico al numero 1248 si dice che per una grave causa si può non partecipare alla Messa festiva. Orbene che cosa si intende per grave causa? Nonostante la riapertura ai fedeli delle chiese per partecipare alla messa festiva anche con le dovute precauzioni, la paura del contagio può essere una grave causa? Una persona di 74 anni che vive con una di 92 anni con un aiuto al cuore e che durante questa epidemia non è uscito e non esce di casa per paura del contagio e di contagiare quella di 92 anni può essere considerata una grave causa? Se per il motivo di cui sopra non si reca in chiesa, per paura del contagio per partecipare alla messa festiva (domenicale e altre festività) commette peccato mortale? Se la stessa persona, pur di assolvere all’obbligo della messa, assiste (sente) la celebrazione davanti al televisore con una partecipazione attiva (pregando e dicendo tutto quello che la messa richiede e prevede) ha adempiuto all’obbligo festivo (cioè non ha commesso peccato)?

(Risposta di Don Gianni Cioli)
La risposta è molto chiara e semplice: sì, il rischio di contagio per un soggetto avanti con l’età, o per una persona come il nostro lettore che vive insieme a un’altra persona molto anziana e affetta da una significativa patologia, rientra senza alcun dubbio nella tipologia della «grave causa» che rende «impossibile la partecipazione alla celebrazione eucaristica» (Codice di Diritto Canonico, 1248). In effetti, se non riconoscessimo che il contagio da Covid-19, soprattutto per le persone più deboli, è una eventualità «grave», mi domando che cosa dovremmo intendere per «grave».
Del resto anche le «Indicazioni per le celebrazioni liturgiche con il popolo», pubblicate in data 11 maggio 2020 dall’Ufficio liturgico diocesano dell’arcidiocesi di Firenze ai nn. 5-6 non soltanto confermano, in riferimento alla situazione dovuta alla pandemia, che si può essere giustificati dall’obbligo di partecipare all’Eucaristia domenicale da un serio motivo, ma giungono esplicitamente a dare l’indicazione di invitare anziani e malati a restare nelle proprie abitazioni, seguendo magari le celebrazioni attraverso i media di cui si può fruire.
Riporto esattamente il testo delle Indicazioni che è molto chiaro: «è bene ricordare, secondo il n° 2181 del Catechismo della Chiesa Cattolica, che “i fedeli sono tenuti a partecipare all’Eucaristia nei giorni di precetto, a meno che siano giustificati da un serio motivo, per esempio, la malattia, la cura dei lattanti, o ne siano dispensati dal loro parroco” (CJC 1245); anche in considerazione delle sollecitazioni che in questa emergenza ci vengono fatte, affinché le persone più vulnerabili rimangano al sicuro a casa, si invitino anziani e malati a restare nelle proprie abitazioni, seguendo la celebrazione eucaristica trasmessa dai canali televisivi e da altri mezzi di comunicazione sociale
“.

Ciò significa che non siamo obbligati a recarci fisicamente in Chiesa, ma necessitiamo di mantenere viva la fiamma della nostra fede trovando delle soluzioni opportune. Di seguito vagliamo qualche esempio utile.

Celebrazioni e momenti di preghiera sui canali TV

Trovare delle soluzioni per tenere attiva la nostra partecipazione alle celebrazioni in questo periodo è fondamentale. Dove non possiamo recarci fisicamente, abbiamo la possibilità di usufruire dei mezzi a nostra disposizione.
Tra i più efficaci, per facilità di accesso, è senza dubbio la televisione.
Per poter proseguire i nostri appuntamenti quotidiani con i riti che accompagnano la nostra quotidianità, riportiamo tutti i palinsesti che offrono celebrazioni, riti, messe sui canali TV, dal mattino alla sera.

Celebrazioni

ore 05.00 – Rosario – TV 2000 (canale 28 del digitale terrestre, 157 di Sky)

ore 06.30 – Rosario – Tele Pace (canale 515 Sky)

ore 06.50 – Rosario – TV 2000 (canale 28 del digitale terrestre, 157 di Sky)

ore 07.00 – Lodi – Tele Padre Pio (canale 145 del digitale terrestre, 852 di Sky)

ore 07.00-—Messa Papa Francesco— Tv2000 (canale 28 del digitale terrestre, 157 di Sky)

ore 07.30 – Santa Messa – Tele Padre Pio (canale 145)

ore 07.30 – Santa Messa – Tele Pace (canale 515 Sky)

ore 08.00 – Lodi – Tele Pace (canale 515 Sky)

ore 08.30 – Santa Messa – TV 2000 (canale 28 del digitale terrestre, 157 di Sky)

ore 09.00 – Santa Messa – Tele Pace (canale 515 Sky)

ore 11.00 – Rosario – Tele Padre Pio (canale 145 del digitale terrestre, 852 di Sky)

ore 11.30 – Santa Messa – Tele Padre Pio (canale 145 del digitale terrestre, 852 di Sky)

ore 12.00 — Angelus— Tv2000 (canale 28 del digitale terrestre, 157 di Sky)

ore 13.00 – Rosario – Tele Padre Pio (canale 145 del digitale terrestre, 852 di Sky)

ore 15.00 – Coroncina – TV 2000 (canale 28 del digitale terrestre, 157 di Sky)

ore 16.00 – Rosario – Tele Pace (canale 515 Sky)

ore 16.00 – Vespri – Tele Pace (canale 515 Sky)

ore 17.30 – Rosario – Tele Padre Pio (canale 145 del digitale terrestre, 852 di Sky)

ore 18.00 – Santa Messa – Tele Padre Pio (canale 145 del digitale terrestre, 852 di Sky) e 145)

ore 18.00 – Rosario – TV 2000 (canale 28 del digitale terrestre, 157 di Sky)

ore 18.50 – Vespri – Tele Padre Pio (canale 145 del digitale terrestre, 852 di Sky)

ore 19.30 – Rosario – Tele Pace (canale 515 Sky)

ore 20.00 – Rosario – TV 2000 (canale 28 del digitale terrestre, 157 di Sky)

ore 20.45 – Rosario – Tele Padre Pio (canale 145 del digitale terrestre, 852 di Sky)

ore 21.25 – Compieta – Tele Padre Pio (canale 145 del digitale terrestre, 852 di Sky)

ore 23.40 – Compieta – TV 2000 (canale 28 del digitale terrestre, 157 di Sky)

Celebrazioni domenicali

ore 07.30 – Santa Messa – Tele Padre Pio (canale 145 del digitale terrestre, 852 di Sky)

ore 10.00 – Santa Messa – Rete 4

ore 11.00 – Santa Messa – RAI 1

ore 12.00 – Angelus – TV 2000 (canale 28 del digitale terrestre, 157 di Sky)

ore 11.30 – Santa Messa – Tele Padre Pio (canale 145 del digitale terrestre, 852 di Sky)

ore 18.00 – Santa Messa – Tele Padre Pio (canale 145 del digitale terrestre, 852 di Sky)

Celebrazioni e momenti di preghiera online

Non solo l’appuntamento fisico o in TV, oggi l’online ci permette di avere a disposizione uno strumento potentissimo per aderire ai nostri appuntamenti col Signore.
Siti web, canali video, piattaforme di chat, essere in collegamento dalla propria casa verso il resto del mondo è diventato semplicissimo.
Ciò che rimane molto complicato in un universo così vasto è la scelta delle fonti adatte.

Di seguito vi proponiamo qualche soluzione.

Messe online

tante parrocchie si sono adeguate alle necessità emerse durante il periodo del Coronavirus e hanno iniziato a offrire delle soluzioni via canali Facebook, Youtube. Vi suggeriamo di contattare il vostro parroco o vedere il sito della vostra diocesi per vedere se esistono iniziative di questo genere.

Qualche esempio di iniziativa:

La chiesa di Milano: visitate il portale www.chiesadimilano.it e il sul canale Youtube per vedere la Messa celebrata nel Duomo di Milano dai canonici della Cattedrale;

Santuario di Loreto: dal santuario pontificio della Santa Casa di Loreto la messa viene celebrata in streaming su www.santuariodiloreto.it sul canale Youtube Santa Casa Loreto;

Diocesi di Bolzano: la diocesi di Bolzano recisa la Messa (in doppia lingua) visibile sul canale Youtube Stiftskirche Innichen;

Diocesi di Andria: dai siti web www.sansabinocanosa.it e www.laterradelsole.it è possibile seguire la messa celebrata nella diocesi di Sandria.

Momenti di preghiera online

Al di fuori dei riti, esiste anche la necessità di pregare leggendo, informandosi, sentendo l’altro che prega con te fianco a fianco.

Nella nostra sezione di Preghiere online cerchiamo di offrire giorno dopo giorno materiale che sia in grado di arricchire la vita spirituale di ciascuno di voi. Non è abbastanza e per questo vi suggeriamo altri canali utili dove poter arricchire la tua partecipazione alla preghiera quotidiana.

  • Vatican News: canale ufficiale della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede. All’interno troverai una copertura informativa delle principali attività di Papa Francesco e degli avvenimenti vaticani più rilevanti;
  • TV2000it: canale youtube per seguire online le attività del canale televisivo, raggiungibili anche su canale 28 del digitale terrestre e canale sky 157;
  • Pastorale dei Giovani Padova: canale Youtube dei giovani della diocesi di Padova ricco di video di preghiere, riflessioni e anche di simpatici siparietti. Video che possono accompagnare le nostre giornate aiutandoci nella preghiera e regalandoci anche dei sorrisi.

Cercheremo di aggiornare questa guida durante il periodo difficile che stiamo vivendo proprio per offrirvi quante più soluzioni possibili per vivere appieno i bisogni dello Spirito anche laddove siamo costretti a essere limitati col corpo.

Lascia un tuo pensiero